BUONE NOTIZIE
LABEL Mask
CODE MK 706
FORMAT 1 CD

TRACKS 14
LENGTH

PRICE
EUR 18.00

Check exchange rate

Back


ORIGINAL MOVIE TITLE YEAR GENRE COMPOSER FOREIGN MOVIE TITLE
BUONE NOTIZIE 1979 Drama/comedy/grotesque Morricone, Ennio GOOD NEWS

NOTES
After a few years of silence, due to a foreign counterfeit of the Logo and the Barcode, gloriously returns the Italian Label 'MASK' with 3 stunning New Releases
CONTAINS 5 PREVIOUSLY UNRELEASED TRACKS. PLOT An anonymous officer of a Roman broadcasting company, (Giancarlo Giannini), spends all his working hours watching, one after the other, the six tv sets installed in his office, which broadcast only bad news about disasters and bomb attacks. The officer is married to a teacher named Fedora (Angela Molina). In addition to the daily sad watching of the six TV sets, he is also burdened by another problem: his lack of success with women. After fifteen years without seeing each other one day by chance he met an old friend named Gualtiero (Paolo Bonacelli), who is convinced that mysterious enemies are after him determined to kill him. After meeting with Ada (Aurore Clement), the wife of Gualtiero, the anonymous officer realizes Gualtiero is crazy, and he should be treated in a phsychiatric clinic. After having a love affair and relationship with Ada, the officer managed to convince Gualtiero to be treated in a Psychiatric Hospital. Ironically, Gualtiero is murdered inside the Hospital, and the police can�¢ï¿½ï¿½t resolve the mysterious case. MUSIC This soundtrack composed and conducted by Ennio Morricone is just as such intense as any other score composed by the Master. This music involves the audience so deeply inside the plot. It captures the viewers mind, and makes them to share in the drama from the first to the last shot of the movie. Maestro Morricone is not new to this kind of magic. If we close our eyes and we indulge in our memories, we will have the feeling of famous notes, such as those of Once Upon a Time in the West ...., Metti una Sera a Cena, Canone Inverso, "The Untouchables, The Desert of the Tartars , H2S, The Legend of 1900, etc. What else can you say about such an important Master? He even won a special Nobel Prize for his music. CRITICS In its lurid gloom and his dark humor, it wants to be a reflection on the spectacle society in which life - and reality - is destroyed in the simulation itself. The Film is a failure when the crumbling of traditional narrative becomes crumbling of ideas. Among the characters, Paolo Bonacelli and Ombretta Colli are all right. A comedy, a grotesque metaphorical pantomime: in short, one outburst. Petri is not among those escaping from their problems, he uses them as he can, according to the circumstances. It acts in the narrow space that separates facts from moral revolt, the mystery of indignation. Sometimes, in the highest and most spectacular peaks, it comes out a kind of expressionism that distorts the facts with grin (Indagine su un Cittadino al di Sopra di Ogni Sospetto, Todo Modo). . And now? The disorder, the mystery, the grin will turn against the author, the metaphor becomes rarefied yet clear, the show is a private fun, pungent and puzzled together. �¢ï¿½ï¿½The sense of death was an obsession. At times the feeling of death was so strong that I could not eat and sleep." Movie director Elio Petri, multifaceted and complex personality, is not just a director of movies. His personal obsessions and his disillusionment with societies, which it is hard for him to recognize and acknowledge, take shape through concepts written in any order, as if they were just notes: the fear of death, a latent depression, and the concerns in face of a historical reality that has betrayed the revolutionary expectations, condense into a magma difficult to penetrate, so that only the abandonment to a planned unpleasantness can give us, and give him, those so coveted answers. "To make a film you have to have now a lot of madness and a lot of love for the cinema. And this is probably the only positive aspect of the matter." In the last period of his life (it will be struck down by cancer at the age of 53, November 10, 1982), the director, finds himself caught in an impasse in which the walls of the inability to communicate on the one hand and the fear of death on the second, crush his inspiration bringing out only the sickness and the suffering of the artist. This is why the film should take different paths: no longer a metaphor but existential analysis, no more dynamism of the staging but static (close-ups overflowing), no more search for success but a disorganized and grinning reflection on a private show, as that of married life. The film BUONE NOTIZIE, (1979), aka THE PERSONALITY OF THE VICTIM, is a testament in which disease, depression, feelings of inadequacy and fear of death are overlapping and translating, passing from the mind of the director to the film. The protagonist is nameless because it is an archetype, an ordinary citizen, an obscure television officer, which is not even understood what is his job: a man sitting in front of his televisions, who barely keeps its robotic professional autonomy but also a confused person, full of fears (of darkness, sex), always looking for a quiet corner (represented by the sunset). A man obsessed with time passing and terrified by the possibility of death, evoked by the first shots when, during the brownout says, "Look here, looks like a grave, a grave...�¢ï¿½ï¿½ In his office on the right wall there is Guernica, a painting by Pablo Picasso, symbol of the horror caused by wars, but he is a victim-offender of the society that devours itself, without leaving space to the feelings and human relations, and that is why he believes his friend Gualtiero to be a fool. �¢ï¿½�¦ Gualtiero is dead and the news shows the reconstruction of the hypothetical path of the murderer. The final scene is still full of questions, which appear in the form of tickets, contained in an envelope. Perhaps the only possible answer is that the folly of Gualtiero, a romantic able to involve his friend in an improvised and disjointed waltz (in a poignant and melancholic scene), danced on the edge of the abyss, while in one summary and deep sentence Gualtiero affirms the truth that nobody wants to hear: We believe we continue to dance, in fact we are crawling like worms...
Dopo anni di silenzio, dovuti ad una contraffazione, avvenuta all'Estero, del Marchio e del Barcode, ritorna gloriosamente l'etichetta MASK con 3 eccitanti Novita'
TRAMA DEL FILM L'anonimo funzionario di una societ���  televisiva romana (Giancarlo Giannini), trascorre tutte le sue ore lavorative, guardando ora l'uno e ora l'altro, i sei televisori installati nel suo ufficio, che trasmettono soltanto notizie di disgrazie varie e di attentati. Questo funzionario, sposato con una insegnante di nome Fedora (Angela Molina) oltre alla triste visione giornaliera dei sei televisori, ���¨ afflitto anche da un altro problema: il suo scarso successo con le donne. Un giorno ritrova per caso un suo vecchio amico di nome Gualtiero Milano (Paolo Bonacelli) che non vedeva da quindici anni il quale gli confida una sua convinzione: quella di avere sempre alle calcagna dei misteriosi nemici decisi ad ucciderlo. L'incontro con la moglie di Gualtiero di nome Ada (Aurore Clement), convince l'anonimo funzionario che Gualtiero ���¨ pazzo e che dovrebbe essere mandato in una clinica specializzata per le malattie nervose per essere curato. Il funzionario dopo aver intrecciato una relazione con la moglie di Gualtiero, riesce a convincere l'amico, a farsi ricoverare, ma ironia della sorte, ���¨ proprio dentro la clinica che Gualtiero viene ucciso e la polizia non riesce a scoprire nulla di misterioso. RECENSIONE MUSICALE La colonna musicale del film composta e diretta dal M���° Ennio Morricone, ���¨ come tutte le altre colonne sonore di films composte dal Maestro, di una intensit���  tale, che riesce a coinvolgere lo spettatore nella storia filmica, lo avvince e lo rende partecipe di tutte le situazioni che via, via si avvicendano dalla prima all'ultima inquadratura del film. D'altronde il M���° Morricone non ���¨ nuovo in questo genere di magia musicale, se chiudiamo gli occhi e ci lasciamo andare nei ricordi sentiamo ancora le note di: "C'era una volta il West....", "Metti una sera a cena", "Canone inverso", "Gli intoccabili", "Il deserto dei tartari", "H2S", "La leggenda del pianista sull'Oceano", ecc. ecc. Cos'altro si pu���² dire di un personaggio cos���¬ validamente importante? Ha vinto persino il premio Nobel per la musica!!!! RECENSIONI DELLA CRITICA Nella sua livida cupezza e nel suo tetro umorismo, vuol essere una riflessione sulla societ���  dello spettacolo in cui la vita �¢ï¿½ï¿½ e la realt���  �¢ï¿½ï¿½ ���¨ annullata nel simulare s���© stessa. Film fallito in cui lo sbriciolamento della narrazione tradizionale diventa sbriciolamento delle idee. Tra i personaggi-maschere si salvano Bonacelli e la Colli. Una commedia, un grottesco, una pantomima metaforica: insomma; uno sfogo. Petri non ���¨ di quelli che fuggono davanti ai propri problemi, li adopera come sa, secondo le circostanze. Agisce in quello stretto spazio che separa la realt���  dalla rivolta morale, il mistero dall'indignazione. Talvolta, nelle punte pi���¹ alte e spettacolari, ne esce una specie di espressionismo che stravolge i fatti nel sogghigno (Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, Todo Modo). E adesso? Il disordine, il mistero, il sogghigno si ritorcono contro l'autore, la metafora diventa rarefatta eppure chiarissima, lo spettacolo un divertimento privato, pungente e insieme perplesso. ���» "Il senso della morte era un'ossessione. In certi momenti il sentimento della morte era cos���¬ forte che non riuscivo pi���¹ a mangiare e a dormire". Per un regista come Elio Petri, personalit���  poliedrica e complessa, difficilmente liquidabile come un semplice "regista" di film, le ossessioni personali, le disillusioni verso un mondo che stenta a riconoscere e a riconoscerlo, prendono forma attraverso concetti scritti in ordine sparso come fossero degli appunti: la paura della morte, la depressione latente, e le perplessit���  di fronte a una realt���  storica che ha tradito le aspettative rivoluzionarie, si condensano in un magma difficilmente penetrabile, cos���¬ che solo l'abbandono ad una sgradevolezza programmata pu���² dare e dargli quelle risposte tanto agognate. "Per fare un film bisogna avere, oggi molta follia e molto amore per il cinema. E questo ���¨ probabilmente l'unico aspetto positivo della faccenda". Nell'ultimo periodo della sua vita (verr���  stroncato da un tumore all'et���  di 53 anni il 10 novembre 1982), il regista, si trova stretto in un vicolo cieco in cui le pareti dell'incomunicabilit���  da un lato e della paura della morte dall'altro, stritolano la sua ispirazione facendo emergere solo il malessere e la sofferenza dell'artista. Ecco allora che il cinema deve prendere strade diverse: non pi���¹ metafora ma analisi esistenziale, non pi���¹ dinamismo della messa in scena ma staticit���  (debordante del primo piano), non pi���¹ ricerca del successo ma riflessione disordinata e ghignante su uno spettacolo privato, come ���¨ quello della vita di coppia. Il film Buone notizie, o meglio, come recita il titolo alternativo, La personalit���  della vittima, diretto nel 1979 ���¨ un film-testamento, in cui malattia, depressione, senso di inadeguatezza e paura della morte, si sovrappongono e si traslano, passando dalla mente dell'autore alla pellicola impressionata. L'insuccesso e le feroci critiche dei colleghi durante le Giornate del Cinema Veneziano del 1973, provocano in Petri una profonda disillusione verso le potenzialit���  espressive e comunicative del mezzo cinematografico, portandolo all'esasperazione del pessimismo (da sempre presente nel suo cinema) e ad una visione della realt���  sempre pi���¹ astratta e metafisica in cui l'unica risposta possibile sembra essere quella dell'abbandono alla follia. Questa ricerca trova compimento nel film Buone notizie in cui attraverso un umorismo macabro e mortifero, una recitazione nevrotica e sovraeccitata ed un'esasperazione cromatica e pittorica, il regista tende a raffigurare la condizione assurda dell'essere umano, imprigionato nella gabbia del benessere e anestetizzato nei sentimenti. La nevrosi sessuale, la ritrosia verso la responsabilit��� , l'assuefazione alla violenza e la ricerca di un comportamento infantile, convivono in un paesaggio urbano sommerso dalla sporcizia, squassato dall'urlo delle sirene, percorso da un'infinit���  di schermi televisivi, dando vita ad una apologo sociale e morale sul processo, irreversibile, di autodistruzione che ha contaminato la societ��� . Le "buone notizie" del titolo, sono evidentemente la cornice ghignante e stridente in cui ���¨ raffigurato il cittadino-medio: notizie di morte, di attentati, di allarmi bomba, di animali morti a causa dell'inquinamento; immagini di funerali, di cadaveri, di animali sgozzati e dei bambini del Biafra; racconti di violenze politiche, familiari e sociali, espresse tutte e indifferentemente dal volto sorridente della presentatrice del telegiornale. . Il protagonista ���¨ senza nome, perch���© ���¨ un archetipo, un cittadino comune, uno oscuro funzionario televisivo, di cui non si capisce, neanche troppo bene quale sia il suo compito: un uomo seduto davanti ai suoi televisori, che a fatica mantiene la sua autonomia di robot professionale, ma anche un dipendente confuso, intriso di paure (del buio, del sesso), alla costante ricerca di un angolo di tranquillit���  (rappresentato dal tramonto). Un uomo, ossessionato dal tempo che passa e terrorizzato dalla possibilit���  di morire, evocata sin dalle prime inquadrature, quando durante il black-out dice: "Guarda qua, sembra una tomba, un sepolcro...". Nel suo ufficio sulla parete di destra c'���¨ Guernica, il quadro di Pablo Picasso simbolo dell'orrore provocato dalla guerra, ma egli ���¨ vittima-colpevole di una societ���  che si autodivora, senza lasciare pi���¹ spazio n���© ai sentimenti n���© alle relazioni umane, ecco perch���©, ritiene pazzo, l'amico Gualtiero, che ripresentandosi dopo quindici anni gli confessa che qualcuno vuole ucciderlo. Senza cercare di capire le ragioni di questa sua preoccupazione egli opta tacitamente per la scelta decisa dalla moglie: Gualtiero ���¨ pazzo, dunque bisogna rinchiuderlo in una clinica. Il funzionario abbozza una relazione con la moglie di Gualtiero, destinata a naufragare in un amplesso incompiuto a causa dei pensieri che animano entrambi: il giudizio ("ma guarda cosa sta facendo questa troia") e l'ossessione per il corpo pulito e perfetto ("avr���  il tartaro sui denti, guarda quanti peli ha nel naso", dice lei), sono i prodotti derivativi della pubblicit���  che annullano e cancellano la passione cos���¬ come l'ebbrezza del tradimento. Tutto ormai ���¨ diventato troppo asettico per essere comprensibile, anche nei rapporti privati, in attesa della puntuale (forse evocata) "buona notizia": Gualtiero ���¨ morto e il telegiornale mostra la ricostruzione dell'ipotetico percorso dell'assassino. Il finale del film, ���¨ ancora pieno di domande, che compaiono sotto forma di biglietti, contenuti in una busta. Forse l'unica risposta possibile ���¨ quella della follia di Gualtiero, un romantico capace di coinvolgere l'amico in un valzer improvvisato e scoordinato (in una scena struggente e malinconica) ballato sull'orlo dell'abisso, mentre in una frase sintetica e profonda afferma la verit���  che pi���¹ nessuno vuole sentire: "Noi crediamo di continuare a ballare, invece strisciamo... come vermi". Buone notizie, film-testamento di Elio Petri, contiene citt���  sommerse dalla spazzatura, una volgarit���  dilagante ed esibita, un susseguirsi di episodi di cronaca nera, l'acuirsi dell'insicurezza delle persone, i continui allarmi-bomba (con cui viene puntualmente evacuato il palazzo della tv), una famiglia disgregata e assente, l'incomunicabilit���  eletta a sistema di vita, la ricostruzione televisiva di fatti di sangue: sembra girato in questi giorni, in realt���  Petri, come tutti i grandi aveva gi���  capito tutto prima che tutto accadesse. Buone notizie ���¨ un film dimenticato, sottovalutato e maltrattato dalla critica, irreperibile (se non per una vecchia registrazione satellitare), appartiene di diritto a quelle opere in grado di dividere il pubblico, di suscitare il dibattito, di interrogare (criticamente) lo spettatore. Un cinema, rischioso e provocatorio, di cui ci sarebbe assoluto bisogno, compresso in un film che ad una prima visione pu���² sembrare approssimativo e sovraeccitato, ma che in realt���  ���¨ una delle pi���¹ lucide analisi di una societ���  al collasso, mentre l'asfissia si sta ancora diffondendo. Stefano Reggiani Una commedia, un grottesco, una pantomima metaforica: insomma; uno sfogo. Petri non ���¨ di quelli che fuggono davanti ai propri problemi, li adopera come sa, secondo le circostanze. Agisce in quello stretto spazio che separa la realt���  dalla rivolta morale, il mistero dall'indignazione. Talvolta, nelle punte pi���¹ alte e spettacolari, ne esce una specie di espressionismo che stravolge i fatti nel sogghigno (Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, Todo Modo). E adesso? Il disordine, il mistero, il sogghigno si ritorcono contro l'autore, la metafora diventa rarefatta eppure chiarissima, lo spettacolo un divertimento privato, pungente e insieme perplesso. Le buone notizie sono l'irridente cortina che circonda il buon cittadino: sono notizie cattivissime, torbide e violente, ma quasi frigide e distanti nella loro cocciuta ripetizione. Il buon cittadino viene sconfitto nella voglia di capire che cosa succede; il buon maschio viene vinto perfino nella voglia di amare, di sesso e di possesso. Giancarlo Giannini fa il funzionario della televisione, il suo compito ���¨ di controllare una lunga serie di teleschermi che raccolgono le notizie di tutto il mondo, soprattutto atti terroristici, stragi, esequie, vuoti discorsi, rappresaglie sanguinose. Giannini sta davanti ai televisori come un signore distratto, apparentemente imperturbabile, ma sta rimuginando. Si chiede se, dopo aver rinunciato a capire il mondo, potr���  almeno capire che cosa gli accade come privato. Chiama l'impiegata Ombretta Colli e si tira gi���¹ i pantaloni. Le dice: ���«Senti, ti sembro normale?���» La Colli ride con quella faccia da impiegata sporcacciona: ���«Non c'���¨ male, ma non sperare di venire a letto con me���». E con chi allora? La moglie Angela Melina ���¨ dedita per frustrazione agli esercizi ginnici, l'amica di lei diventa una conquista sempre sfuggente. Un compagno d'infanzia che ha qualche morbido soffio omosessuale, esce dalle nebbie del passato per venire a confessarsi con Giannini, tra un allarme e l'altro nella sede della tv (���«Uscite, c'���¨ una bomba���»). Nello scenario realistico di una Roma assolutamente colma di sacchi di immondizie l'amico Paolo Bonacelli gli dice: ���«Qualcuno vuole uccidermi���». Figurarsi, deve essere pazzo, bisogna ricoverarlo in clinica. Giannini coopera con la moglie di Bonacelli, Aurore Cl���©ment, per internare l'amico con mania di persecuzione e visioni omicide. Dopo un fallito esperimento di seduzione di Aurore su Giannini (���«Sono normale?���») giunge la puntuale buona notizia: Bonacelli ���¨ stato assassinato in clinica dai suoi misteriosi persecutori. Ma allora l'incomprensibilit���  s'���¨ inserita anche nei rapporti privati? Certamente, perch���© arriva un'altra buona notizia: il Bonacelli assassinato era l'amante della moglie di Giannini. Seduto davanti ai suoi televisori Giannini cerca di riprendere la sua autonomia di robot professionale e intanto apre con finta indifferenza il testamento di Bonacelli, la spiegazione differita del mistero. Ma nella busta non c'���¨ nulla. Se tutto fosse chiaro, saremmo al punto di Giannini, testimone di cose che rifiuta, protagonista di fatti che non capisce? Buone notizie ���¨ l'opera pi���¹ sincera di Petri. Ma appunto la sincerit���  fa groppo, lo stile ne risulta scandito in fragili frammenti, in sogghigni autonomi, in risate esitanti e velate (ma giustamente). A Petri non interessava la lingua, quanto la parola da salvare, almeno la parola per dirci il nostro stato di isolamento umano e di pericolo. Si segnalano le scene emblematiche: Giannini che danza con Bonacelli; Giannini col libro e con la moglie a letto; Giannini aggredito da Aurore Cl���©ment; Giannini nello sporco di Roma; Giann" tra i biglietti dell'assassinato, che non significano nulla, come oggi tanti biglietti e tanti messaggi correnti. Da La Stampa, 27 gennaio 1983

MAIN ACTORS Giancarlo Giannini, Angela Molina, Aurore Clement, Paolo Bonacelli