PIANETA D'ACQUA, IL (Morricone)
LABEL Cometa
CODE CMT 10017
FORMAT 1 CD

TRACKS 14
LENGTH 47' 23"

PRICE
EUR 17.95

Check exchange rate

Back


ORIGINAL MOVIE TITLE YEAR GENRE COMPOSER FOREIGN MOVIE TITLE
PIANETA D'ACQUA, IL (Morricone) 1980 Documentary Morricone, Ennio

NOTES
In May 1980 the Italian Radio and Television, RAI, put on air on the TV national network a program on the water, a very hot topic. The proposal to RAI of that really interesting topic came by the talented director of documentaries Carlo Alberto Pinelli. Always very attentive to the socio-cultural issues, now Pinelli has got credits for over one hundred and twenty documentary-investigations. The shooting of PIANETA D'ACQUA brought him to travel a good part of the world. Maestro Ennio Morricone was requested to compose the score for this documentary. He had shown his incredible artistic feelings in the music field and was already famous for his inimitable musical compositions. The subject deeply involved the emotions of Morricone who composed a musical score very passionate and perfectly fitting the scenes contributed to the remarkable success of the five episodes serial. The track named ACQUA VIVA (living water) composed by Morricone for the documentary is calm and does not change its composition and technical characteristics even though it contains different colors due to different instrumentation and slight change of tempo. The introduction to the subject has an asymmetrical pattern (three bars of 4 beats plus two others), as asymmetric is the entire accompaniment. The ostinato in ottavi never has strong accents, therefore, being also continuous and indefinite, follows the asymmetry of the time. These variations, in the perpetual continuity, give the idea of flowing water that in a constant and indefinable motion always follows a single direction. Even when played by different instruments the tonale theme never loses his calm and reassuring tonal characteristics. The track becomes technically clearer in the duo or trio's versions in which the soundtrack is even more remarkable. The track named PIANETA D'ACQUA (Water Planet) is tonal and presented in a clear and limpid form. The "forte" ascending theme of the main chord gives an immediate idea of openness and solar luminosity. The tempo, magnificent and majestic, and the vertical structure of the accompaniment give a sense of great unity of sound and timbre. The central part, introducing in a few bars of the trio a single instrument played "piano", which is accompanied by a few strings also played "piano", compensates for the compactness of the track. A dynamic "crescendo" and the entry of additional instruments bring everything back to its initial state, finally ending with the tail and the final cadence in the key of the beginning. The track with its suggestive title ACQUE MATERNE D'AMORE (MOTHERNAL WATERS OF LOVE) has a tone that is never abandoned. The tempo is calm. The warm sound of cellos, that well develops the long theme, is perfectly connected with the title that the track wants to represent. All this has the power to give a feeling of warmth and calm reassurance that accompany the track in its entirety. The ascending theme and the double orchestra give the track an emotional emphasis of calmness that is revived after a proper development of the theme, exactly the same, at the end of the track. The track OUVERTURE DEL MATTINO (Overture in the morning) is really delicious and is made up of several elements, all of exquisite Italian craftsmanship. The beginning could bring, and perhaps this is what Morricone wanted to do, to the perfect descriptiveness of the "The Four Seasons" by Antonio Vivaldi. The initial steady tone in unison refers to the torpor of waking in the morning. The entry of the harpsichord, with the bi-chords, and then the faster and faster pizzicato strings is the gradual realization of the coming new day and the irrevocably flowing of time. The violin solo with its cheerful theme, light, remembers the song of a bird. For long time the heart of the TV general public in Italy was sensibly affected by the problem that had never been raised to its attention before. Strongly influenced both by the scenes revealing the complexity of the problem and by those moving pieces of music that accompanied them, many Italians did treasure the content of the program and finally realized, perhaps for the first time, in what consideration and respect other peoples would lay in to that element so necessary and of so inestimable value. Discussions about the water problem continued for long time among the people, looking for hypothetical solutions, but as we all know, beautiful things do not last long, and today, just like yesterday, the problem is not solved yet.
Nel maggio 1980, la Rai Radiotelevisione italiana mando' in onda sulla rete nazionale una serie televisiva che trattava un argomento molto scottante a d'attualita' : l'acqua. Questo argomento, veramente interessante, era stato proposto alla RAI dal valente regista - documentarista Carlo Alberto Pinelli. Il regista, che oggi ha al suo attivo oltre centoventi documentari/inchiesta, ed e' particolarmente attento ai temi socio-culturali, per realizzare e portare a termine il filmato, aveva dovuto girare una buona parte del mondo. Al M° Ennio Morricone gia'  molto noto nel campo musicale per le sue inimitabili composizioni musicali dovute alla sua incredibile sensibilita'  artistica, venne richiesta la realizzazione della colonna sonora e il Maestro coinvolto emotivamente dall'argomento, compose un commento musicale cosi' appassionato e aderente alle scene, che la trasmissione ripartita in ben cinque puntate, riscosse un notevolissimo successo. Il brano musicale dal titolo "ACQUA VIVA" che il M° Ennio Morricone compose per il filmato e' tranquillo e non cambia le sue caratteristiche tecnico-compositive anche se contiene diversi colori dovuti alle strumentazioni diverse e qualche lieve cambiamento di tempo metronomico. L'introduzione al tema, ha un andamento asimmetrico (tre battute di 4 tempi piu' altre due), come asimmetrico e' tutto l'accompagnamento. L'ostinato in ottavi, non ha mai accenti evidenti e pertanto essendo continuo e indefinito, segue l'asimmetria del tempo. Queste variazioni, nell'ambito di una perenne continuita' , danno l'idea dello scorrimento di un fluido che, in un costante e indefinibile movimento, segue sempre una unica direzione. Il tema, tonale, anche se suonato da diversi strumenti non perde mai le sue tranquille e rassicuranti caratteristiche tonali. Il brano diventa tecnicamente piu' chiaro, nelle versioni di duo o di trio nei quali il discorso di commento sonoro viene ancora piu' rimarcato. Il brano musicale "PIANETA D'ACQUA" e' tonale e si presenta in forma chiara e limpida. Il "forte" tema ascendente, sull'accordo principale, da immediatamente una idea di apertura e di solare luminosita' . Il tempo solenne e maestoso, insieme alla struttura verticale dell'accompagnamento, da una sensazione di grande compattezza sonora e timbrica. La parte centrale, compensa la compattezza del brano, immettendo, nelle poche battute di trio, uno strumento unico, suonato "piano", accompagnato da pochi archi anche loro suonati "piano". Un "crescendo" dinamico e una entrata ulteriore di strumenti, riporta tutto allo stato iniziale, concludendo infine con la Coda e la cadenza finale nella tonalita'  di partenza. Il brano dal suggestivo titolo "ACQUE MATERNE E D'AMORE", ha una tonalita' , che non viene mai abbandonata, il tempo e' calmo e il suono caldo dei violoncelli, che presentano il tema lungo e ben sviluppato, si raccordano alla perfezione con il titolo che il brano rappresenta. Il tutto, ha il potere di dare una senzazione di calore e di calma rassicurante, che accompagnano il brano nella sua integrita' . L'andamento ascendente del tema e il raddoppio orchestrale, donano al brano una pacata enfasi emozionale che viene riproposta, dopo un giusto sviluppo del tema esattamente uguale, alla fine del brano. Il brano musicale: "OUVERTURE DEL MATTINO" e' veramente delizioso e si compone di svariati elementi tutti di squisita manifattura italiana. L'inizio potrebbe riportare, e forse questo e' cio che ha voluto fare il Maestro, alla perfetta descrittivita'  delle "Quattro stagioni" di Antonio Vivaldi. La nota fissa iniziale all'unisono, richiama al torpore del risveglio mattutino, l'entrata del clavicembalo, con i bicordi, e poi il pizzicato degli archi, sempre piu' veloce, rappresenta la graduale presa di coscienza della venuta di un nuovo giorno e del tempo che scorre irrimediabilmente. Il violino solista, con il suo allegro tema leggero, ricorda il canto di un uccellino. Per molto tempo, il grosso pubblico televisivo italiano, toccato nel vivo da quel problema che non si era mai posto prima, e forse anche fortemente suggestionato, sia dalle scene che mettevano a nudo tutta la complessita'  del problema che da quei toccanti brani musicali che le accompagnavano, fece tesoro del contenuto del programma e finalmente molti si resero conto, forse per la prima volta, in quale considerazione e quanto rispetto gli altri popoli ponessero in quell'elemento cosi' necessario e di un valore tanto inestimabile. Si parlo' molto a lungo e convintamente del problema acqua, cercando delle ipotetiche soluzioni, ma come tutti ben sappiamo, le cose belle e giuste durano poco e oggi al pari di ieri, nel nostro paese, questo problema non e' ancora risolto.

MAIN ACTORS